Accogliere le vittime di tortura – una sfida da affrontare insieme

Si è tenuto a Roma dal 6 all’8 marzo 2015 presso l’Hotel Melià l’incontro nazionale dei referenti sezionali medici dell’U.N.I.T.A.L.S.I. con l’obiettivo di confrontarsi sulle progettualità e le nuove collaborazioni che verranno attivate nel corso del 2015.

P. Camillo Ripamonti presidente del Centro Astalli, Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Italia, è intervenuto alla tavola rotonda del 7 marzo per discutere di quelle che saranno le nuove prospettive e le sfide dell’accoglienza ai rifugiati. E’ stata quindi un’occasione per tornare a dar voce ai più vulnerabili, a quei migranti in fuga da gravi violazioni dei propri diritti fondamentali, spesso vittime di tortura che, faticosamente, cercano solo di raggiungere la salvezza.

“Accogliere qualcuno significa fare spazio nella propria vita interiore” dice p. Camillo Ripamonti nel video relativo all’evento.

 

 

 

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now