Almeno otto migranti perdono la vita a largo di Lampedusa (30.06.2021)

Il Centro Astalli esprime profondo cordoglio per la morte ingiusta ed evitabile di almeno otto persone a causa del naufragio di un’imbarcazione nelle acque di Lampedusa.

I migranti, per lo più donne di cui una incinta, erano tutte in fuga dalla regione subsahariana, stando a quanto emerge dalle testimonianze dei 46 superstiti del naufragio.

P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli: “L’Italia non lasci passare invano questa tragedia, imponga all’Unione europea un cambio di passo nella gestione dei flussi nel Mediterraneo e metta al centro di accordi e trattative il rispetto dei diritti umani dei migranti e del loro ingresso sicuro in Europa”.

 Il Centro Astalli chiede alle istituzioni nazionali ed europee misure immediate:
 – attivare un’operazione di soccorso e salvataggio ad ampio raggio nel Mediterraneo che intervenga in aiuto delle imbarcazioni in difficoltà e porti i naufraghi in un porto sicuro che non deve essere la Libia;
 – fare in modo che tutti gli Stati dell’Unione accolgano in modo proporzionale i migranti forzati attraverso la gestione strutturale e sistematica di canali umanitari e visti di ingresso che diventino finalmente alternativa e deterrente al traffico di esseri umani.

Ripamonti infine sottolinea: “La traversata del Mediterraneo è una rotta che non si può interrompere attraverso politiche di esternalizzazione per il contenimento dei flussi. I governi da anni si concentrano su accordi con Paesi terzi non sicuri per impedire gli arrivi di migranti in Europa, ma l’unico risultato che si ottiene è un’incalcolabile strage di innocenti”.

Nota alla stampa 30.06.2021

30 Giugno 2021