Arrivi e naufragi di migranti. Tra le vittime due bambini

Tre migranti, due dei quali bambini, sono morti nel naufragio di una imbarcazione con dodici persone a bordo davanti all’isola greca di Samos. Lo riferisce la Guardia costiera greca.
I due bambini sono morti dopo essere stati recuperati dai soccorritori, mentre più tardi è stato trovato il corpo senza vita di un uomo. A bordo dell’imbarcazione c’era anche un altro bambino.
Allo stesso tempo si sono registrati due sbarchi in 24 ore a Lampedusa. In tutto quasi 50 migranti. Ieri 8 persone tunisine sono arrivati autonomamente con un barchino sull’isola. Stanotte altri 40 sono stati soccorsi e condotti a Lampedusa dalla Guardia costiera. Quest’ultimi erano particolarmente provati: tra loro 32 uomini, 6 donne e due bimbe di circa 3 anni; provenivano alla Libia e in particolari sono soprattutto spmali ed eritrei.
Il Centro Astalli esprime cordoglio per le vittime innocenti e non cessa di chiedere politiche che possano gestire i flussi in sicurezza e nel rispetto dei diritti umani. Purtroppo rimuovere il problema e accettare che uomini e donne possano rimanere bloccati in paesi non sicuri come la Libia non rappresenta una soluzione, ma una precisa responsabilità che ha come effetto la morte di migliaia di persone che hanno diritto di arrivare in Europa per chiedere protezione.

 

7 Marzo 2019