50 migranti morti: contrastiamo l’indifferenza facendo da “scorta mediatica” alle vittime

È di poche ora fa la notizia che 50 migranti sono morti nel naufragio della loro imbarcazione davanti alla costa della città libica di al Zawiya.

Precedentemente, l’Oim aveva riferito che almeno 11 persone erano morte dopo che il gommone su cui viaggiavano era affondato. A bordo di quest’ultimo vi erano in tutto 24 migranti. La Guardia Costiera libica ne ha riportati indietro 12.

Il Centro Astalli esprime cordoglio per le vittime e profondo dolore per le famiglie cui viene negato persino di piangere e dare degna sepoltura ai loro cari.

P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli: “È uno dei mali del nostro tempo che sempre più spesso passa sotto silenzio e nel disinteresse generale, una vergona come ci ha ricordato recentemente Papa Francesco e per questo Il Centro Astalli ritiene doveroso non smettere di dare notizia di ogni naufragio che avviene.
Vogliamo essere una sorta di scorta mediatica che accenda una luce su ogni vittima di ogni naufragio nel Mediterraneo.

È il nostro modo di farci voce dei tanti migranti che non hanno diritto di parola in Europa.
Vogliamo ricordare e chiedere per ciascuna delle vittime, un cambio radicale di politiche e visione che rimetta l’Europa dei diritti e della libertà al centro di un mare che oggi stiamo lasciando a trafficanti che vendono a esseri umani disperati una speranza travestita da morte”.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now