Ancora strage di bambini migranti. Canali umanitari subito

Sei bambini sono morti in due naufragi di barconi carichi di migranti avvenuti all’alba di oggi al largo delle coste turche. 
Due fratellini siriani di 1 e 4 anni, Diven Halil Hussein e Beren Halil Hussein, sono annegati dopo che è affondato un barcone al largo di Bodrum con altre 23 persone, tutte tratte in salvo. Altri 4 corpi di bimbi sono stati trovati dopo un naufragio di un altro barcone con a bordo uomini e donne siriani e afgani al largo di Ayvacik, in cui sono stati salvati altri 51 migranti.

P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli, esprime profondo cordoglio per le vittime dell’ennesima tragedia del mare e ritorna a ribadire: “in questo momento di allarme per il terrorismo corriamo il serio pericolo di mettere in ombra l’ecatombe di innocenti che continua a consumarsi nel Mediterraneo”.

Il Centro Astalli torna a chiedere all’Unione europea, ai singoli Stati e alle autorità competenti azioni concrete subito:

Attivare canali umanitari che permettano ai rifugiati di mettersi in salvo in Europa. È necessaria una politica che avvii processi di pace a lungo termine. Il rafforzamento delle frontiere, l’abolizione di Schengen, il respingimento dei migranti non sono la via per sconfiggere il terrorismo. Non si risponde a un fenomeno complesso come la migrazione continuando a posare lo sguardo solo sui proprio confini.

La soluzione non può essere chiudere le frontiere. L’Europa deve consentire a tutti i rifugiati di accedere alla procedura per il riconoscimento della protezione internazionale e di vivere nel territorio dell’Unione in dignità e sicurezza. Nel perseguire questo obiettivo, non sono ammissibili deroghe in merito al rispetto dei diritti umani e della dignità di tutti i migranti.

 

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now