Chiesa cristiano-ortodossa russa Santa Caterina martire

La chiesa di Santa Caterina Martire (o Santa Caterina d’Alessandria) è una parrocchia per i fedeli cristiani ortodossi della città di Roma, per lo più russi, ucraini, moldavi e bulgari. Nel maggio 2000 al Comune di Roma è stato presentato il progetto di Andrej Obolenskij, direttore del Centro di costruzioni artistiche «Archkram» del patriarcato di Mosca, che prevedeva la costruzione della chiesa nel comprensorio in proprietà della Federazione Russa, adiacente alla residenza dell’Ambasciatore della Federazione Russa a Villa Abamelek, all’angolo di Via Lago Terrione e Via delle Fornaci.

La storia della costruzione della Chiesa Ortodossa di Roma, inizia in tempi molto antichi. Parliamo infatti di un periodo che risale agli inizi del 1800, quando ad occuparsi del progetto di realizzazione della Chiesa era l’Imperatore Alessandro I. In quasi due secoli di storia la comunità Ortodossa ha sempre partecipato attivamente alla realizzazione dei vari progetti per la Chiesa che si sono sviluppati nel tempo, attraverso la raccolta di fondi. Dalla fine del 1800, fino alla fine del XX secolo, la Chiesa Ortodossa ha avuto diverse sedi, tutte ad ogni modo legate con la Federazione Russa.

La Chiesa prende il nome di Santa Caterina Martire (o Santa Caterina d’Alessandria). Voluta fortemente dalla comunità ortodossa Russa, nell’ottobre del 1999 l’Ambasciata della Federazione Russa a Roma ha fatto formale richiesta al Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana ed al Comune di Roma per ottenere la possibilità di costruire l’edificio. Il progetto vero e proprio fu presentato al Comune di Roma un anno dopo. Il disegno prevedeva la costruzione della Chiesa Ortodossa nel comprensorio della Federazione Russa, dove è tutt’ora.

L’ attuale Chiesa Ortodossa di Roma si trova all’interno del Parco Villa Abamelek, ai piedi del Gianicolo, vicino Porta di San Pancrazio. L’interno della villa è sede dell’Ambasciata Russa.

La Chiesa è stata progettata di un’altezza pari a 29 m con una superficie generale di 698,04 m², per un volume generale di 5056,28 m³.

La realizzazione del progetto è stata approvata nel 2001, e nel 2002 la licenza edilizia. Il 14 gennaio 2001, alla presenza dei Ministri degli Esteri italiano e russo, Igor Ivanov e Lamberto Dini, si è svolta la cerimonia della posa della prima pietra, benedetta dall’arcivescovo di Korsun’ Innokentij. Il 19 maggio 2006 ha avuto luogo la consacrazione della chiesa minore, nel dicembre 2007 vi è stata la consacrazione della cripta, dedicata ai santi Costantino ed Elena.

Il 23 maggio 2009 è avvenuta la cerimonia di inaugurazione della chiesa maggiore.


Per approfondire:

Scarica la scheda in pdf!

Sito ufficiale: http://stcaterina.com/84/ https://www.prolocoroma.it/chiesa-ortodossa-santa-caterina-martire/  

8 Aprile 2021