Ero straniero: regolarizzazione 2020, oltre centomila persone ancora in attesa dei documenti

La campagna Ero straniero, di cui il Centro Astalli è tra i promotori, ha pubblicato oggi, sul proprio sito, un nuovo aggiornamento del monitoraggio sull’attuazione della regolarizzazione straordinaria del 2020, misura che la campagna ha proposto e fortemente sostenuto, pur sottolineando da subito la portata ridotta del provvedimento a causa dei pochi settori identificati per l’emersione e della rigidità di alcuni requisiti. Dai dati forniti dal Ministero dell’Interno in risposta alle ultime richieste di accesso agli atti (disponibili sul sito), emerge che, a fine marzo 2022, delle oltre 207.000 domande di emersione presentate dai datori di lavoro, sono 105.000 i permessi di soggiorno in via di rilascio da parte delle prefetture (il 50% circa del totale) e ancora decine di migliaia le pratiche da finalizzare. Da evidenziare, inoltre, il numero piuttosto alto di rigetti che sta emergendo man mano che si procede con l’esame. 

Sui tempi inaccettabili dell’esame delle pratiche è intervenuta, tra l’altro, la condanna del Tar Lombardia, che ha ricordato con alcune sentenze quanto prevede la Costituzione rispetto ai tempi certi dei procedimenti amministrativi.

Nel dossier, anche l’analisi dei risultati ottenuti nei mesi scorsi dalla campagna ai fini di velocizzare e portare a compimento la procedura, a partire dalla proroga fino a dicembre 2022 degli oltre 1.000 interinali impiegati presso prefetture e questure che, grazie a un emendamento alla legge di bilancio proposto da Ero straniero, potranno continuare a occuparsi della regolarizzazione e, si spera, portarla a compimento. Altro elemento su cui si sofferma la campagna è l’ultimo decreto flussi, che ha individuato 70.000 quote di ingresso per lavoratori e lavoratrici per il 2022 in diversi settori, a fronte delle poche migliaia previste negli anni scorsi. Nei click day tra fine gennaio e febbraio, le quote sono andate esaurite in poche ore e sono state oltre 220.000 le richieste arrivate da parte dei datori di lavoro, ben oltre i posti disponibili. 

A conclusione dell’analisi dei dati e degli interventi più recenti in materia di immigrazione, la campagna ribadisce ancora una volta la necessità di creare finalmente dei canali di ingresso per lavoro razionali e realmente accessibili e superare il sistema illogico delle sanatorie, con l’introduzione di un meccanismo sempre accessibile per rientrare nell’economia legale. Incoraggiante in tal senso l’approvazione il 3 maggio scorso in Senato, nell’ambito della discussione sulla Istituzione della Giornata nazionale in memoria degli immigrati vittime dell’odio razziale e dello sfruttamento sul lavoro, di un ordine del giorno che impegna il governo a valutare l’introduzione “di un meccanismo permanente di regolarizzazione su base individuale a fronte di un contratto di lavoro, al duplice fine di garantire la giusta tutela dei diritti fondamentali della persona e così favorire anche l’emersione di rapporti di lavoro irregolari”, riprendendo la nostra proposta di legge di iniziativa popolare il cui esame è fermo in Commissione affari costituzionali da marzo 2020. 

Canali di ingresso per lavoro e regolarizzazione: alle prospettive di riforma di questi due temi cruciali nell’ambito delle politiche dell’immigrazione a livello italiano ed europeo sarà dedicato l’incontro pubblico di alto livello che la campagna Ero straniero sta organizzando in Parlamento per il 14 luglio prossimo.

Ero straniero è promossa da: Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, Fcei – Federazione Chiese Evangeliche in Italia, Oxfam Italia, ActionAid Italia, ACLI, Legambiente Onlus, ASCS – Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, AOI, Terra! onlus con il sostegno di numerosi sindaci e decine di organizzazioni.

Il titolo della proposta di legge di iniziativa popolare è “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”. Si compone di 8 articoli che prevedono, tra l’altro, l’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per la ricerca di occupazione ricorrendo all’attività di intermediazione tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri non comunitari; la regolarizzazione su base individuale degli stranieri “radicati” a fronte della disponibilità di un contratto da parte di un datore di lavoro.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now