L’Italia recepisce direttive sull’asilo: si prospettano miglioramenti

Si è giunti in questi giorni all’approvazione definitiva della Legge di delegazione europea 2013 che include norme per la trasposizione nell’ordinamento italiano di rilevanti Direttive dell’Unione Europea sull’asilo e sulla tratta degli esseri umani.

“L’adozione della Legge, approvata da una larga maggioranza del Parlamento, è il segnale di una accresciuta sensibilità delle forze politiche italiane sul tema dei rifugiati e di una maggiore consapevolezza delle loro difficoltà di integrazione in Italia” si legge in un comunicato dell’UNHCR.

In particolare, con la trasposizione della direttiva sulla prevenzione ed il contrasto alla tratta di esseri umani e la protezione delle vittime, dovranno essere previste maggiori tutele per i minori non accompagnati, una procedura multidisciplinare per la loro identificazione ed il diritto a ricevere informazioni sulla protezione internazionale, nonché un’efficace coordinamento tra il sistema di asilo e il sistema di protezione e assistenza delle vittime di tratta.

Con il recepimento della direttiva che estende ai beneficiari di protezione internazionale il permesso di soggiorno UE per lungo residenti, saranno rafforzate le loro opportunità d’integrazione. Inoltre, in considerazione della specifica condizione dei rifugiati, dovranno essere introdotti per loro criteri meno stringenti di quelli previsti dall’attuale normativa per l’ottenimento di tale permesso.

Infine, in relazione alla trasposizione della direttiva “qualifiche”, i beneficiari di protezione sussidiaria saranno equiparati ai rifugiati nella procedura per il ricongiungimento familiare. Dovrà infine essere previsto un piano nazionale per l’integrazione dei beneficiari di protezione internazionale.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now