Rapporto UNHCR: 5,5 milioni di persone in fuga da guerre e persecuzioni

Aumenta il numero delle persone costrette a fuggire dai propri Paesi di origine raggiungendo la soglia di 5,5 milioni nel primo semestre del 2014. Di questi, 1,4 milioni di persone hanno chiesto protezione in altri Stati diventando rifugiati, mentre il resto sono sfollati interni (IDPs). Lo rivela il rapporto Mid-Year Trends 2014 pubblicato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

Uno dei dati più rilevanti evidenziati dal rapporto riguarda i siriani, diventati la più grande popolazione di rifugiati sotto mandato UNHCR, superando gli afghani per la prima volta negli ultimi 30 anni. I rifugiati siriani, oltre 3 milioni a giugno 2014, rappresentano ora il 23% di tutti i rifugiati assistiti dall’UNHCR nel mondo.

I rifugiati afghani sono 2,7 milioni e rappresentano comunque la più grande popolazione di rifugiati “di lunga durata” (permanenza nella situazione di rifugiato da oltre 5 anni). Seguono i somali (1,1 milioni), i sudanesi (670.000), i sud-sudanesi (509.000), i congolesi (RDC – 493.000), i birmani (480.000) e gli iracheni (426 mila).

Il Pakistan, che ospita 1,6 milioni di rifugiati afghani, rimane il maggiore Paese ospitante. Altri Paesi con una popolazione di rifugiati numerosa sono Libano (1,1 milioni), Iran (982.000), Turchia (824.000), Giordania (737.000), Etiopia (588.000), Kenya (537.000) e Chad (455.000).

In rapporto alla popolazione e all’economia del Paese ospitante il rapporto evidenzia che lo sforzo maggiore in termini di accoglienza è sostenuto da Paesi quali la Giordania, il Libano, l’Etiopia e il Pakistan.

L’acuirsi della crisi in Siria e l’aumento delle persone in fuga da questo Paese ha comportato un’altra importante novità emersa dal rapporto: lo spostamento della distribuzione regionale della popolazione di rifugiati. Fino al 2013 la regione che ospitava il maggior numero di rifugiati era l’Asia e il Pacifico. Oggi il Medioriente e il Nord Africa accolgono il maggior numero di rifugiati.

Visualizza il rapporto

 

7 Gennaio 2015