Secondo l’UNHCR in aumento i rifugiati in fuga dalla Siria che giungono in Italia

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) registra un aumento nel numero di cittadini siriani che arrivano via mare nel sud dell’Italia.

Sono 3.300 infatti i siriani che negli ultimi 40 giorni sono approdati soprattutto sulle coste della Sicilia. Tra loro oltre 230 minori non accompagnati. Nella sola scorsa settimana gli arrivi sono stati 670. Più di 30 le imbarcazioni che hanno dato vita al flusso, la maggior parte delle quali provenienti dall’Egitto, ma alcune anche dalla Turchia.

I nuovi arrivati – in maggioranza – sono famiglie con bambini. Sono oltre 4.600 – secondo le stime dell’UNHCR – i cittadini siriani arrivati in Italia via mare dall’inizio dell’anno. I due terzi di tali arrivi si è verificato nel solo mese di agosto. Tra loro molti rifugiati palestinesi nati in Siria.

Al loro arrivo le persone vengono condotte nei centri d’accoglienza. Negli ultimi mesi molti siriani si sono spostati dai paesi situati alle frontiere esterne dell’Unione Europea verso altre aree dell’Europa.

Dall’inizio del 2013 al 6 settembre scorso – in base alle cifre UNHCR – 21.870 persone sono arrivate nel sud dell’Italia. Si tratta di un sensibile aumento rispetto al 2012 quando gli arrivi erano stati 7.891. I nuovi arrivati sono principalmente di nazionalità eritrea (5.778 quest’anno, erano stati 594 nel 2012), somala (2.571 e 1.280) e adesso anche siriana (3.970, mentre erano stati solo 369 lo scorso anno).

13 Settembre 2013