Il Centro Astalli si illumina di verde per la giornata dei diritti umani

Il 10 dicembre si celebra la Giornata Mondiale dei Diritti Umani.

Il Centro Astalli in tutte le sue sedi territoriali, insieme agli uffici nazionali del JRS Europe, e alle tante realtà associative e della società civile che fanno parte della campagna Io accolgo, aderiscono all’iniziativa “Lanterne verdi”.

L’iniziativa solidale è nata dalla proposta di un avvocato polacco, Kamil Syller, che ha invitato i suoi concittadini ad accendere una luce verde nelle proprie abitazioni per soccorrere tutti i migranti che attualmente stanno cercando di superare il confine tra Polonia e Bielorussia
Grazie ai social media, Syller ha diffuso l’iniziata inviando messaggi in diverse lingue per spiegare ai migranti, lungo la zona di frontiera, che la luce verde significa poter ricevere ospitalità. Nelle città di confine si stanno moltiplicando le iniziative di solidarietà. Diversi cittadini accendono una luce verde davanti alle case per segnalare che lì si può ricevere aiuto.

L’iniziativa delle luci verdi, diventate quindi simbolo della solidarietà, si è diffusa anche in altre parti d’Europa, e sono numerose le città che stanno promuovendo azioni solidali, come Berlino dove seimila lanterne verdi sono state accese per “fare luce” sulla situazione dei migranti bloccati al confine.
Le lanterne verdi accese in Polonia ora illuminano anche l’Italia, attraverso la campagna rilanciata dal quotidiano Avvenire. Anche molti comuni, tra cui quello Colleferro (in provincia di Roma, dove abitava Willy Monteiro), si sono illuminati di verde.


Nella giornata del 10 dicembre, invitiamo tutti a fare lo stesso nelle proprie case, negli uffici, nelle parrocchie, e a condividere sui social una foto delle lanterne accese, per far conoscere a tutti che c’è un’Italia che accoglie, taggando il Centro Astalli e usando gli hashtag #greenlight #lanterneverdi #ioaccolgo #conirifugiati  #ciriguarda  #unnuovonoi.

Più siamo più la luce verde della solidarietà illuminerà i passi incerti dei tanti uomini, donne e bambini in viaggio, in fuga da guerre, violenze e violazioni dei diritti.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Buy now