Rifugiati in Italia

Nel corso del 2019 in Italia sono arrivati via mare 11.471 migranti forzati, un numero inferiore rispetto a quello registrato l’anno precedente, con circa 23mila arrivi. Tra i principali punti di accesso all’Europa dal Mediterraneo, l’Italia è il Paese che ha registrato il minor numero di arrivi. Nello stesso anno, infatti, sono giunti in Spagna 26.261 migranti forzati e in Grecia 59.591. A causa dei controversi accordi con la Libia e della sostanziale chiusura dei canali regolari di ingresso, l’Italia negli ultimi anni ha subito una significativa riduzione degli sbarchi.

Nel 2020 i migranti forzati che hanno raggiunto l’Italia, provenivano principalmente dalla Tunisia (38%), dal Bangladesh (12%), Costa D’Avorio (6%), Algeria e Pakistan (4%). Sono state le partenze dalla Tunisia a giocare la parte più importante, visto che dalla Libia le partenze sono rese molto complicate e pericolose dagli accordi siglati con l’Italia.

Per quel che riguarda l’accoglienza dei migranti, sono stati 79.938 migranti ospitati nel sistema di accoglienza italiano. La recente istituzione del Sistema di accoglienza e integrazione (SAI ex SI-PROIMI) con la Legge n.173/2020, tra le altre novità, ha ripristinato l’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale nel sistema.

Offrire a ciascun rifugiato opportunità oneste e accessibili per vivere in Italia in sicurezza e dignità: resta questo il punto più dolente del nostro sistema d’asilo. È urgente una riflessione più approfondita e qualificata su cosa significhi protezione oggi in Italia e come essa si declini nella vita quotidiana delle persone a cui viene riconosciuta. Sono questioni che non possono essere risolte solo dal terzo settore: richiedono riflessione e impegno da parte di tutte le istituzioni competenti, attraverso una cabina di regia in grado di costruire soluzioni concrete e di renderle accessibili.

In una crisi economica sempre più dura, i rifugiati si trovano soli, con servizi di assistenza sempre più inadeguati a causa degli ingenti tagli a servizi sociali e sanitari e misure di integrazione pressoché inesistenti.

Dati 

I numeri dI numeri dell’asilo. dati e statistiche della Commissione nazionale per il diritto d’asilo

Cruscotto statistico giornaliero sugli sbarchi di migranti e sul sistema di accoglienza

Norme e procedure in vigore

Immigrazione e asilo in Italia

La protezione in Italia: riferimenti normativi

Approfondimenti

Osservatorio sulle Migrazioni a Roma e nel Lazio. Diciassettesimo rapporto (2022), IDOS

Camillo Ripamonti sj, Building Peace with the Refugees, June 17 2022, in La Civiltà Cattolica

XXVII Rapporto sulle migrazioni 2021, Fondazione ISMU

Federico Lombardi S.I, «Servire, Accompagnare, Difendere» I 40 anni di cammino del Centro Astalli con i rifugiati, in La Civiltà Cattolica, 4/8 dicembre 2021

Intervista a Camillo Ripamonti sj a cura di Giuseppe Riggio sj, Centro Astalli: 40 anni a fianco dei rifugiati, in Aggiornamenti Sociali ottobre 2021

Il Diritto d’asilo – Gli ostacoli verso un noi sempre più grande, Report 2021, Fondazione Migrantes

Dossier statistico immigrazione 2021, IDOS

XXX Rapporto Immigrazione 2021. Verso un noi sempre più grande, Caritas-Migrantes

Il Diritto d’asilo, Report 2020, Fondazione Migrantes

Osservatorio Romano sulle Migrazioni. Sedicesimo rapporto (2021), IDOS

Chiara Peri, Decreto sicurezza: l’Italia che non vogliamo, in Aggiornamenti Sociali, gennaio 2019

Condividi su: